IL "LA TRADIZIONE

 ORALE

DIZIONARIO DIALETTALE DI GALLICCHIO

a cura di Maria Grazia Balzano

 

Ti trovi in: Home->La tradizione orale> Indovinelli (1)

 

 | Proverbi e modi di dire | Indovinelli | Filastrocche | Scioglilingua | Stornelli carnevaleschi | note per la lettura| home

 

Gli indovinelli gallicchiesi, i cs-cusll, che ho raccolto sono ormai in disuso e sono quasi eslusivo patrimonio degli anziani. Componimenti brevi e leggeri, gli indovinelli costituivano un tempo un momento di intrattimento e di gioco per la famiglia contadina che si riuniva la sera davanti al focolare o davanti all'uscio di casa a conversare con i vicini. Erano un esercizio di agilit mentale, un passatempo ed anche un motivo di allegria a cui partecipavano adulti e bambini, uomini e donne, che a turno dovevano indovinare oggetti di casa o attrezzi da lavoro, funzioni umane, sentimenti e aspetti della natura: insomma tutto ci che stava loro attorno, nascosto sotto una veste apparentemente misteriosa Una delle caratteristiche delle "cs-cusll" anche di quelle proposte in presenza dei bambini, era il doppio senso, cio la metafora di carattere sessuale che lasciava intendere una risposta che si rifaceva ad organi o atti sessuali, mentre quella giusta rimandava ad oggetti comuni o innocenti attivit del vivere quotidiano.

Gli indovinelli, che avevano una struttura molto semplice, cominciavano con la formula: "Scc na cs-cusll, tnda fn' e ttnda bbll" (Conosco un indovinello cos sottile e cos bello) e si si chiudevano con la domanda Cch i? (Cos'?), oppure, Cch ssu'? (Cosa sono?)


"Add vi tu, mnża vv e mmnża mrt?"

"Cch nn vuo' sap tu, vcca nur' e sscinga trt!".

 

(A fascll e a camstr)

"Dove vai tu, mezza viva e mezza morta?", dice la catena del focolare alla scintilla, "Che ne vuoi sapere tu con la bocca nera e le gambe storte!", risponde la scintilla.  


A fgli d Pilipss

nn tn no' ccrn, no' pplp, no' ss.

A mtt stt' a l'ss,

ccc crn, ppl' e oss

(A rctt)

La figlia di Pilipossa

non ha n carne, n polpa, n ossa.

La metti sotto le ossa (sotto i denti)

tira fuori, carne, polpa e ossa.

(La ricotta)


A mglir nna ggmm trt,

u mart nnu bbll ggivn

e a fgli nna fccia tnn.

(U piedavt, u pl d u piedavt e lv)

La moglie una con gambe storte,

il marito un bel ragazzo, dritto,

e la figlia una con la faccia rotonda

(La vite, il palo di sostegno della vite e l'uva)


A temb' andch

u prts ir' a lu vllch,

i scalangt' a calngh

u prts i mmenż' i gmm.

(A vtt)

Una volta

il buco era all'ombelico,

franata la frana

il buco in mezzo alle gambe

(La botte)


uzt la suttn, bblla dnn,

ca ngi ggia mtt lu mi strumnd,

avt ch ttrast la pnd, i nnend cchi.

(A srngh)

Alzati la sottoveste, oh bella donna,

ch devo metterci il mio strumento,

una volta che entrata la punta, tutto finito.

(La siringa)


Chi a fc, a fc p'a  vvnn,

chi a cctt nn l srv,

chi l srv nnn a vd!

 

(A csc da mort)

Chi la costruisce, la costruisce per venderla,

a chi la compra non gli serve,

a chi gli serve non la vede!

 

(La cassa da morto)


Cchi u vvs e cchi u vurria vas!

(U iascarell)

Pi lo bacio e pi lo vorrei baciare.

(Il bariletto del vino)


Cunn' nnv' ppgnatll,

cunn' vvcchi' tĭianll

(A scrp)

Quando una nuova una piccola pignatta.

quando vecchia e una piccola pentola.

(La acarpa)


Cunn vi, vi rrnn,

cunn trn, trn chiangenn.

(U scchii d l'ccu)

Quando va (verso il pozzo), va ridendo

quando torna, torna piangendo.

(Il secchio pieno d'acqua)