IL "LA TRADIZIONE

 ORALE

DIZIONARIO DIALETTALE DI GALLICCHIO

a cura di Maria Grazia Balzano

 

Ti trovi in: Home->La tradizione orale> Filastrocche (1)

 

 | Proverbi e modi di dire | Indovinelli | Filastrocche | Scioglilingua | Stornelli carnevaleschi | note per la lettura| home

 


Le filastrocche costituiscono una delle forme poetiche pi semplici e pi antiche nella tradizione culturale dei popoli, non hanno un autore, ma sono il risultato della elaborazione comune della gente. Una volta, nell'ambito familiare, le persone producevano e recitavano filastrocche, le nonne le insegnavano ai nipotini, e cos potevano subire anche trasformazioni nelle parole, nel ritmo o nel contenuto. Cerano filastrocche per giocare, altre per fare addormentare i bambini (le ninne nanne), altre per farli smettere di piangere, altre per insegnare loro delle conoscenze di base, altre servivano semplicemente per giocare con i suoni, divertirsi con le parole, formare canzonette e formule cadenzate in un accozzaglia di sillabe, di parole, di frasi. Oggi, che la tradizione orale va man mano perdendosi e le filastrocche vengono per lo pi recitate in italiano, stato possibile recuperare soltanto questi pochi testi dialettali.

 

 

Bb, bbnghl, bbnghl, bb,

l cambn d San Sim.

San Simn stnga stll

fci' a dt' a Rrzztll.

Rzztll' ggit fr

e cchim' a Ddon Ncl.

Don Ncl' ggit'a mmss

e pp ccutt prngpss,

e pp ccutt cavallcc,

Don Ncl' u cp d cicc!

 

 

Bo, binghele, banghele, bo,

le campane di San Simone.

San Simone stanca stelle

fa la dote a Riccitella.

Riccitella andata in campagna

e chiama Don Nicola.

Don Nicola andato a messa

e con quattro principesse,

e con quattro cavallucci,

Don Nicola, testa di ciuco!

 

(Ninna-nanna)


 

Cccia, cccia crn,

mmma ti t ngrn,

t ngrn ndu prts

mmma ti a frghglis

 

 

 

Tira, tira  fuori le corna (le antenne)

tua madre ti prende a cornate,

ti prende a cornate nel pertugio

tua madre, la barbagianni.

 

(Filastrocca recitata dai bambini per incitare la chiocciola ad uscire dal guscio)


Car cumbr,

facm' a mmtt:

tu pgli' a crn

i pgli' u spt,

tu pgli' u vn

ch' u mi' a l'act,

tu pgli' u pn

ch'u mi mmuct,

tu pgli' u lett

ch'u mi' ccadt,

tu pgli' a mglir

ch' a mi' mmalt!

Caro compare,

prepariamo le cose da portare in campagna:

tu prendi la carne

io prendo lo spiedo,

tu prendi il vino

perch il mio diventato aceto,

tu prendi il pane

perch il mio ammuffito,

tu prendi il letto

perch il mio caduto,

tu prendi la moglie

perch la mia malata!


Catarna catalgn,

tr mmart labbsgn

labbsgn p nnu ms

Catarn' a calabbrs!

Caterina catalogna,

tra mariti le abbisognano.

le abbisognano per un mese

Caterina la calabrese!