IL "LA TRADIZIONE

 ORALE

DIZIONARIO DIALETTALE DI GALLICCHIO

a cura di Maria Grazia Balzano

 

Ti trovi in: Home->La tradizione orale> Scioscilingua

 

 | Proverbi e modi di dire | Indovinelli | Filastrocche | Scioglilingua | Stornelli carnevaleschi | note per la lettura| home

 


 

Gli scioglilingua sono giochi di parole, combinati spesso ricorrendo a iati e allitterazioni e comunque difficili da pronunciare, talvolta privi di senso e che debbono essere recitati rapidamente. Lo scopo principale dei pochissimi scioscilingua in dialetto gallicchiese che riporto quello di imbarazzare, trarre in fallo e far esprimere spropositi ridicoli, nel recitarne il testo.
 

Na sartn d fcht frtt e nnt d frtt fcht!

 

Un tegame ti fegato fritto e un altro di fritto fegato.


Nu zacchn, dui zacchn, tr zacchn, cutt zacchn, cmgh zacchn, si zacchn, stt zacchn, tt zacchn, nv zacchn, dec zacchn.

 

Uno stecco di legno, due stecchi di legno, tre stecchi di legno, quattro stecchi di legno, cinque stecchi di legno, sei stecchi di legno, sette, stecchi di legno, otto stecchi di legno, nove stecchi di legno, dieci stecchi di legno.


Sp' a nna fch ngra na pch,

pica, piccchii,

nu cgn e nnu ccchii

nu ccchiie e nnu cgn

na mla chtgn

Sopra un fico c'era una taccola,

taccola, taccolacchia,

un cuneo e cacchio,

un cacchio e cumneo

una mela cotogna.


Sp' a nna muntagnzz

ng nu carpnzz,

tglia tgli p nna mmarrzz,

tgli a pnd da cp du carpnazz.

Sopra una montagnaccia

c' un carpinaccio,

taglia, taglia con una scuraccia,

taglia la punta della cima del carpinaccio.