IL "LA TRADIZIONE

 ORALE

DIZIONARIO DIALETTALE DI GALLICCHIO

a cura di Maria Grazia Balzano

 

Ti trovi in: Home->La tradizione orale> Stornelli

 

| Proverbi e modi di dire | Indovinelli | Filastrocche | Scioglilingua | Stornelli carnevaleschi | note per la lettura| home

 


Fino a qualche decennio f  a Gallicchio, come in tanti altri paesi della Basilicata, non c' erano molti modi per divertirsi. Il carnevale giungeva graditissimo ai bambini ed ai giovani, che si vestivano con un po' di fantasia, si tingevano il viso con il nero fumo,  si costruivano un "cpa-cp", e andavano in gruppi cantando, su quellunica nota di accompagnamento, degli stornelli non privi di una certa grazia. Terminata la suonata ed il canto davanti alle porte degli amici, la truppa dei ragazzi, entrata nella casa ospitale, riceveva i doni e i complimenti e cercava un'altra casa,  disposta ad udirli e a dar loro dei doni. Il giro durava a lungo, sino a notte inoltrata. Le canzoni che si cantavano erano diverse e questa breve raccolta non rende merito ai tanti stornelli di cui si perso il ricordo.

 

 (Ritornello)

 

Sn cp mi s vuosun,

oi ninnlla oi ninn,

sni fst d carnev.

(Ritornello)

 

Suona "cupo" mio se vuoi suonare,

ohi ninnella oi ninn,

suona le feste di carnevale.


I ssu vvnt da lundna vi (2)

p vvn a cand nnnd' a prt' a ssgnri.

Io sono venuto da una lontana via (2 volte)

per venire a cantare davanti la porta di vossia.

                        (Ritornello)


Tngh na vgncll a Ssand Vt (2)

Sndu Martn cuand ccaricta.

Ng addunt nu ml galltell (2)

s vi mangnn tttu muscatell.

Se nn lu spr tu, lu spr i (2)

pi nna cupptt bblla caricta.

 ccaricata pi palln dr (2)

u spr mbett e ppo' s mra mr.

 

Ho una piccola vigna in contrada San Vito (2)

San Martino com' caricata.

si abituato ad andare a mangiare un cattivo galletto.

va in giro a mangiare tutto il moscato.

Se non gli spari tu, gli sparo io,(2)

con un fucile ben caricato.

caricato con pallini d'oro (2)

gli sparo sul petto e poi se muore muore.

                        

                        (Ritornello)


U cp mi nn s mng nżalt (2)

vl maccarn, crn e rrafant.

gg candt allariie e a l stll (2)

lu palzz hut e la patrn bbll.

Il mio "cupo" non mangia insalata (2)

vuole mangiare maccheroni, carne e rafanata.

Ho cantato all'aria e alle stelle

il palazzo alto e la padrona e bella

                        (Ritornello)


Mmenża nna strd ng' nnti na rs (2)

tnd ch' addr ca nn s po ppass

gg candt a llria stllt

gg srvt a cchi m ccumandt.

In mezzo una strada c' nata una rosa

odora tanto che non si pu passare.

Ho cantato all'aria stellata

ho erito chi mi ha comandato.

 

                       (Ritornello)


I su' ssldt ch' gg ftta gurr (2)

grpm' a prt ca ta mngh ndrr.

Io sono un soldato che ha fatto la guerra (2)

aprimi la porta, se no te la butto per terra

                        (Ritornello)


Tu ricciuln chimt 'ssu cn (2)

nu f abbai mmenz a 'sta carrr

U cn mii nn t crca pn (2)

gurda li mr di la sua padrn.

Tu ricciolina chiama a te codesto cane (2)

non farlo in mezzo a questa strada.

il mio cane non ti chiede pane (2)

sorveglia i muri della sua padrona.

                       

                        (Ritornello)


Mmma m fftt e tttt m vl vnn (2)

m vl d nu vcchii d cendnn.

U vcchiie cunn vvcchii vl affuct (2)

u ggiuvnell vl pazzĭit.

Mamma mi ha fatto e pap mi vuole vendere(2)

me vuole dare a un vecchio di cento anni.

Il vecchio quando vecchio bisogna soffocarlo

il giovincello bisogna divertirlo.

                         (Ritornello)


ggi appurt ca ten na bblla fgli (2)

su vvnt s m la vuo' d.

ggi appurt ch' i accs' u porch

nn m f f cchi u mss tort.

 

Sono venuto a sapere che hai una bella figlia

sono venuto se me la vuoi dare!

Sono venuto a sapere che hai ammazzato il maiale (2)

non mi frmi fare pi la bocca storta.

                        (Ritornello)


gg candt spa nna ratzz (2)

stnni la mn e ppgli' u sauzzz.

gg candt supa nna ngannt (2)

stnni la mn e ppgli a sbburst.

Ho cantato su una graticola (2)

stendi la mano e prendi la salsiccia.

Ho cantato sopra un soffitto di canne (2)

stendi la mano e dammi la soppressata.

                        (Ritornello)


gg candt supa nna frnna dcc (2)

stnni la mn e ppgli' u sanguncc.

gg candt supa nna fnstrll

stnni la mn e ppgli a iascarll.

Ho cantato sopra un foglia di sedano (2)

stendi la mano e prendi il sanguinaccio

Ho cantato sopra una finestrella (2)

stendi la mano e prendi la fiaschetta del vino.

 

                         (Ritornello)