Dizionario dialettale di Gallicchio

a cura di  MARIA GRAZIA BALZANO

Lettera P : purcl-puzzulnd

Ti trovi in: Home->Dizionario Dialettale di Gallicchio > Lettera P

< 21 22 23 24 25 >

A  B  C  D  E  F  G  I  L  M  N  O  P  R  S  T  U  V  Z

 

 

 

purcl sm.: Porcile.// Fig. Luogo particolarmente sporco. 'Sta cs'  nnu prcl!: Questa casa un porcile!.

purcn sm: Porcino, Pregiato fungo commestibile.// Agg. m. e f.: Che non si apre, detto della noce, Che non si sbuccia facilmente, detto della castagna.

pr congz.: Pure, Anche. Pr i vgli vn a vd u foch!: Anchio voglio venire a vedere i fuochi dartificio!

prgh sf.: Purga.

purt (p.p. purtt) v. tr.: Portare. Purt u mort: Portare il morto, Fare il funerale. Purt ldii a nna prsne: Provare dellodio nei confronti di una persona. Purt i salt: Portare i saluti. Purt a mchn: Guidare lautomobile. // Fig. Purt a  post: Andare in giro a chiacchierare. Purt ngnżn: Prendere in giro, Promettere q.cosa che non si mantiene mai.

purtl  sm.: Portale, Porta imponente per mole e decorazioni.

purtamnd sm.: Portamento, Il modo di compotarsi o di portare la persona.

purtgll sm.: Arancio.// Arancia. I purtgll' a la vaingli: Le arance zuccherine. I purtgll' a ssangugn: Le arance rosse.

purtnr sm. e sf.: Portinaio/a, Portiere/a. U mart d srm fcii' u purtnra Pputnż: Il marito di mia sorella faceva il portinaio a Potenza.

porter o purter sm.: Portiere di una squadra di calcio.

pust o post: agg. m. e f.: Posato/a, Riflessivo/a./// Sf.: Fermata, Sosta. A lu cud gne vnd mtr fc na pust!: A cusa del caldo ogni venti metri f una sosta!// Al pl.: Posate.

pustv o pustivamnd avv.: Apposta. U gtt mu nn accs pustv!: Il gatto me lhanno ucciso apposta!

pussd (p.p. pussdt) v. tr.: Avere, Possedere. Fgli mi tu crn i pussdt, e ccrn i'a pussd!: Figlio mio, tu hai avuto le corna, e le corna avrai per sempre!, amara e proverbiale riflessione di un padre gallicchiese.

pussbl o possibbl agg.m. e f.: Possibile.

pustl sm.: Postale, Automezzo in sevizio pubblico regolare, Autocorriera, Pullman. A la zt nn ms u pustl!: Per il matrimonio hanno noleggiato un pullman (per portare gli invitati nel luogo dove si svolge la cerimonia o al ristorante)!

pustn sm. e sf.: Postino/a. A pustna nv vn ttti iorn da ntu pais: La nuova postina viene tutti i giorni da un altro paese.

put (p.p putt) v. tr.: Potare. I rs ni scc put, mi ggia f mbar dangn!: Le rose non le sono potare, devo farmi insegnare da qualcuno!

porch-salvaggi sm.: Cinghiale.

porch-spn sm.: Porcospino.

porr sf.: Porro, Verruca. Tn i spll chiin d porr!: Ha le spalle coperte di porri!

purtrpp avv.: Purtroppo.

pupżżii sm.: Pupazzo.// Fig. Cartoni animati. I agnnelle gurdn smb i  pupażżii a la televisin!: I bambibi guardano sempre i cartoni animati alla televisione!

pp1 sm: Panocchia. I pp arrstt: Le pannocchie arrostite. I pp cott: Le pannocchie lesse./// pp2 sf.: Bambola. Pp d pzz: Bambola di pezza.// Bambola di pasta infornata che si faceva per i bambini.

ppt sf.: Upupa, Uccello notturno

pupt sf.: Pipita, Malattia infettiva dei polli che provoca l'inspessimento della lingua.// Fig. e scherz. riferita all'uomo, Causa a cui si attribuisce un eccessiva loquacit. Tin a ppt?: Sei affetto da pipita?, vale a dire, Non smetti mai di parlare? 

puppt (p.p. pupptt) intr.: Emettere suoni nel tentativo di articolare parole. Non s fd mngh a ppuppt!: Non ce la f neanche ad emettere un suono, una parola!. Nnn' ia mngh puppt!: Non devi neanche accennare a dire una parola!

pupp sf.: Pop, nel ling. infantile, Le faci, La cacca.

pupulażżin o popolażżin s.f.: Popolazione.

puramnd avv.: Solo.

purcr sm.: Porcaro, Chi custodisce e governa un gregge di porci.

purcari sf: Porcheria. Add'i vnn a 'cchi tnda purcrii!: Ma dove vanno a trovarle tante porcherie!.

purchizz sf.: Porcellana, Pianta erbacea con foglie carnose, commestibili a insalata.

purcnr agg. m. e f.: Che mangia di tutto, Che vorace di ogni cibo.

< 21 22 23 24 25 >

home