Dizionario dialettale di Gallicchio

a cura di  MARIA GRAZIA BALZANO

Lettera Z : zacan-żavaiol

Ti trovi in: Home->Dizionario Dialettale di Gallicchio > Lettera Z

< 1 2 3 4 >

A  B  C  D  E  F  G  I  L  M  N  O  P  R  S  T  U  V  Z

 

 

zacan (p.p. zacant) v. tr.: Tagliare con le forbici. Zacan i bbttne: Tagliare il filo dei bottoni attaccati agli indumenti con le forbici.

zaccul agg. m. e f.: Rozzo/a, Rustico/a,  Cafone, Zotico/a.

zaccn sm: Pezzetto  di ramo secco, Pezzetto di legno.  Pgli di zaccn ch ggi appzzecc u foch!: Prendi qualche pezzetto di legno ch devo accendere il fuoco!   Add  arrv chind' u zaccn!:  Dove arrivi pianti un pezzo di legno (ti fermi)! Fai una cosa fin dove possibile (detto).

zaffĭin sm. e sf. (pl.m. zaffĭin): Persona molto brutta.

zaggli sf.: Fettuccia di stoffa, Legaccio stoffa. Mttc na zagagli pu ttacc!: Mettii una fettuccia di stoffa per legarlo!/// Dimin. zagarll sf.:   Legaccio di stoffa stretto.

żin sm.: Zaino. Ma cch ng mttt nda 'ss żin  ca su' ttnd psnd?: Ma che ci mettete in codesti zaini che sono tanto pesanti?

zambarll  sf.:  Zanzarone, Insetto che vive in luoghi umidi e si nutre delle radici e dei germogli di varie piante erbacee.// Fig. Nn m rupp' a zambarll: Non mi rompere le scatole! Non mi scocciare.// Zanzara. In questa accez. anche żanżr.

zambc (p.p. zambct)  v. tr.: Tagliare, Mozzare. Zambc a cp: Mozzare la testa.//  Fig. Far fuori, Togliere di mezzo. N u nn zambcte p nnnd!: Lhanno tolto di mezzo!

żambn sm.: Zampone, Salume insaccato nella cotenna di una zampa di maiale.

zambrn sm. e sf. (pl. m. zambrn): Rozzo/a, Cafone/a.

zammrd sm.: Mazza, Lungo bastone./ Fig. Persona alta e dritta.

zngh sf.:  Fango, Mota. Ti mtti stvl ca ng su i zngh!: Ti devi mettere gli stivali perch c il fango!// Zacchera, Schizzo di mota sulle vesti o sulle scarpe.

żannĭi (p.p. żannĭit) v. intr.: Andare in giro a perdere tempo.

 

żannll sf. pl.: Zanella, Piccola cesta ovale intessuta a strisce sottili di legno.// Fig. Le cose  che si portano dietro per propria utilit. Pgli' i żannll ca ten e amnnnn (sciamnnn)!: Prendi le cose che hai con te e andiamocene!

zanżn sf.: Cetonia, Coleottero di colore verde.

żanżr sf.: Zanzara. 'Sta stagin i żanżr ng ern pr a Ggallcchii!: Questestate le zanzare cerano persino a Gallicchio!/// Anche zambarll.

żanżarr sf.: Zanzariera.

zapp (p.p. zappt) v. tr.: Zappare, Lavorare con la zappa.  Ma vi a zzapp!: Ma andate a zappare!, detto per lasciare intendere a q.uno che incapace di fare unoperazione che richieda una particolare abilit o intelligenza. Ch zppe vv lccu' e cchi ssti' a labbend u vn!: Chi zappa beve lacqua, chi sta senza far niente il vino!, per dire che gli scanzafatiche vengono ricompensati meglio degli onesti lavoratori./// zappt agg. m. e f.: Zappato, Lavorato con la zappa. A trra zappt: Il terreno zappato.//Sf.: Zappata, Lavoro di zappatura. (sc) gg dt na zappata a lort!: Oggi ho dato una zappata allorto!./ Colpo di zappa. T stv dnn na zappt ngp!: Stavo per darti un colpo di zappa in testa!

zappatr sm. (pl. zappatr): Zappatore, Chi lavora la terra con la zappa.

zpp sf.: Zappa.// Fig. S ddt a zpp spi ped si stss!: Si dato la zappa sui suoi stessi piedi!, Ha fatto q.cosa a proprio danno./// Dimin. zapptll sf.: Zapetta, piccola zappa per lavori leggeri.// zappll sf.: Sarchiello, Piccola zappa  per ripulire i seminati dalle erbacce.

zappul (zappulsci) (p.p. zappult) v. tr.: Zappettare, Sarchiare,  Lavorare smovendo la terra leggermente. I ff vnn zappult (zappulscit) ca ng fftt lrv!: Bisogna sarchiare le fave perch ci sono cresciute in mezzo delle erbacce!

zt solo nella locuz. a zzt: A piedi.

żavaiol sm.: Zabaione, Tuorlo duovo sbattuto con zucchero, con aggiunta, a volte, di vino o liquore.  Cunn ira zcch mmma mi m fci ttti matn' u żavaiol!: Quando ero piccolo/a mia madre mi preparava tutte le mattine lo zabaione!

< 1 2 3 4 >

home