Dizionario dialettale di Gallicchio

a cura di  MARIA GRAZIA BALZANO

Lettera A : addummann-affezzion 

Ti trovi in: Home->Dizionario Dialettale di Gallicchio > Lettera A

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >

A  B  C  D  E  F  G  I  L  M  N  O  P  R  S  T  U  V  Z

 

addummann (p.p. addummannt) v. tr.: Chiedere, Domandare.  A ggi' addummannt s vulie vn p mm: Le ho chiesto se voleva venire con me.

addun (p.p. addunt) v. intr. pronom.: Accorgersi, Rendersi conto, Avvedersi.  M nggi' addunt ca n mm vl d i sld!  Me ne sono accorto/a che non mi vuole dare i soldi!// Prendere labitudine.  I vlp s su addunte (o snn' addunt) a l gllne: Le volpi hanno preso l abitudine a rubare le galline.  M s ddunt!: Ora ci ha preso labitudine!

addur (p.p. addurt) v. tr.: Odorare, Annusare. Addurv tutti fur ca truvv: Odorava  tutti i fiori che trovava.

addr sm.: Odore. F a 'ddr: Odorare.  Fci' a 'ddr d'a cpll: Odora di cipolla.// Fig.  S snd' a ddr d'u cs arruscit: Si sente l'odore del formaggio abbrustolito, C'  un freddo pungente.

addurnd agg. m. e f.: Che emana  un odore gradevole,  Odoroso/a.

addurmsc (p.p. addurmsciut) v.intr. pronom.: Informicolirsi,  Intorpidirsi.  M addurmscit' a gmm: Mi si  informicolita la gamba.

adoper (p.p. adopert) v. tr.: Adoperare./// Anche adupar

aduct  agg. m e f.: Educato/a./// Anche educt.

aducchi (p.p. aducchit) v. tr.: Adocchiare, Vedere. Nn gi' adcchi : Non ci vede, Non vede bene.

adupar (p.p. adupart) v. tr.: Adoperare./// Anche adoper

affacci (p.p. affaccit) v. rifl.: Affacciarsi.  Affaccit a lu bbalcn!: Affacciati al balcone!// Fig.  Va' taffcc: Vai a vedere.  Va' taffcc s vn' u medch: Vai a vedere se viene il medico.

affacnnt agg. m. e f.: Affaccendato/a, Occupato/a, Impegnato/a in faccende o lavori.

affalupp (p.p affaluppt)v. tr.:  Abbuffarsi racimolando tutto ci che possibile mangiare.

affamt agg. m. e f.: Affamato/a.

affamulĭi (p.p. affamulĭit) v. intr. pronom.: Prendere confidenza,  Entrare in familiarit con q.uno. U gattarell s affamulĭit: Il gattino ha familiarizzato.

affnn sm.: Affanno, Fiatone.  A lu pett m vn a ffann!: In salita mi viene il fiatone!  

affanns agg. m. e f.: Ansimante. Add vi affanns, affanns?: Dove vai cos ansimante?

affr sm.: Affare. mm ftt nu bbon affar: Abbiamo fatto un buon affare.

affarst sm. e sf.: Affarista.

affascn (p.p. affascnt) v. tr.:   Fare il malocchio, Parlare con invidia del bene altrui. Mnn affascnt' a la chies!: Mi hanno fatto il malocchio in chiesa!.

affscn sf: Malocchio, Malia.// Formula magica che viene recitata per togliere il malocchio. Mia f a ffascn:  Mi devi togliere il malocchio.

affass (p.p. affast) v. tr.: Fasciare.  M ggi' affasst' u pd ch' gg pglit na strt: Mi sono fasciato/a la caviglia perch ho preso una storta.// Avvolgere in fasce i neonati. // Fig. (Sc) a 'ffass: Andare in un posto e trattenervisi a lungo.

affcazz (p.p. affcazzt) v. tr.: Schiacciare, comprimere fortemente fino a far perdere la forma primitiva.

affd (p.p. affdt) v. tr.: Affidare.//Rifl. Affidarsi.

affl (p.p. afflt) v. tr.: Affilare, Arrotare.  ggia f ffl u curtell: Devo fare affilare il coltello.// Fig. Affl a vi:  Rigare dritto.  N 'gi' iafflt: Hai colto nel segno, Hai indovinato.

affllcchi (p.p. affllcchit) v. tr.: Stropicciare, Spiegazzare. I pnn su ttt affllcchit, vnn strt!: La biancheria tutta stropicciata, bisogna stirarla!

affn (p.p. affnt) v. tr.: Affinare, Rendere fino, pulito, sottile.// Rifl. Diventare fino, sottile.

affrr (p.p. affrrt) v. tr: Afferrare, Prendere.// Fig.  Affrr  u tcch: Avere un colpo apoplettico.

afftsc (p.p. afftsciut) v. intr.:  Marcire, Imputridire. A crn ndu frigorfr i afftscit: La carne nel frigorifero  imputridita.

afftt1 (p.p. affttt)v. tr.: Affittare, Dare in affitto.// Prendere in affitto./// afftt2 (p.p. affttt)o affett (p.p. affettt)v. tr: Affettare.

affezzion (p.p.affzziunt) o affzziun (p.p. affzziont) v. rifl. : Affezionarsi./// affzziont o affzzint agg. m. e f.: Affezzionato/a. U uaglin i assi' affzziunt' a nni!: Il ragazzo molto affezionato a noi!

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >

home